Come Smettere di Lamentarsi e Pensare Positivo!

come pensare positivo
Mentre una sfogo saltuario può farti sentire meglio, lamentarsi in continuazione può essere dannoso per te e per gli altri che devono ascoltarti, sopratutto se anche loro hanno situazioni difficili da affrontare e al contrario di come fai te, evitano di seccare il prossimo. 

Il nostro cervello ha la tendenza a concentrarsi sul negativo e di conseguenza, tendiamo a concentrarci sulle cose negative, piuttosto che notare tutte le cose positive che accadono durante la giornata (secondo una statistica le cose positive che avvengono in una giornata sono il triplo di quelle negative, e per chi pensa positivo il rapporto è ancora maggiore). 

Essere una persona che si lamenta sempre non solo ti mette di cattivo umore e ti fa sentire costantemente nervoso e arrabbiato con il mondo ma potrebbe essere scoraggiante anche per amici o familiari e sopratutto nel caso di colleghi o semplici conoscenti potrebbe cambiare negativamente anche il loro modo di rapportarsi con te. 

Ciò non significa nemmeno che devi essere un tipo "sorridi e sopporta", ma puoi allenarti a pensare positivo ogni giorno, seguendo dei modi per affrontare difficoltà e problemi e agire senza lamentarti e senza cadere in continui atteggiamenti di negatività. 

Proprio come ci si allena in attività sportive per migliorare il proprio fisico, è quindi possibile anche allenare il proprio cervello con impegno e costanza e seguendo i consigli che trovate di seguito, diventerà giorno dopo giorno sempre più naturale e automatico pensare positivo e col passare del tempo diventerà quasi impossibile lamentarsi ancora, almeno per le difficoltà superabili. 

Metodi per non lamentarsi

1- Se la mattina ti svegli ed il tuo corpo e il cervello funzionano non considerarlo scontato e puoi già considerarti fortunato e hai la possibilità di fare qualsiasi cosa, dipende tutto da te stesso! Non tutti ne hanno la possibilità a causa di problemi salutari, ma tu si! Quindi se qualcosa non va nella tua vita nessuno ti impedisce di darti da fare e cambiarla. Ma devi metterci del tuo, se resti immobile è difficile che qualcosa cambi da solo.

2- Ricorda sempre la differenza tra Difficoltà e Problemi.  Le difficoltà (traffico, pioggia, fila al supermercato, ritardo dei mezzi di trasporto, piccoli danni all'auto o casalinghi) sono gestibili e superabili e non meritano neanche una piccola lamentela perché lamentarsi o addirittura alterarsi per queste sciocchezze non solo comporta un innalzamento del proprio stress e di quello degli altri che ti ascoltano, ma è completamente inutile (lamentandosi non smetterà di piovere, la fila davanti a te non scomparirà di botto, ecc..). Poi pensa a chi sta vivendo non delle difficoltà ma dei problemi. Se trovi dei graffi sulla tua macchina parcheggiata o prendi una multa, non iniziare a imprecare, ma ritieniti fortunato a possederne una e pensa che la felicità e la positività della tua vita non può essere di certo influenzata da questo.

3- Lamentarsi per le stupidaggini è anche una mancanza di rispetto per chi ha problemi veri e sta vivendo davvero un brutto periodo. Non si deve guardare a chi sta peggio, ma tanto per farti un esempio.. se ti lamenti per il traffico devi sapere che ci sono persone che non hanno neanche l'auto, o se ti lamenti per piccoli problemi di lavoro, allora è una mancanza di rispetto per chi è disoccupato e con magari dei figli da far crescere. Invece di lamentarti pensa a delle soluzioni per superare le piccole difficoltà quotidiane .

4- A volte, lamentarsi diventa un'abitudine tale che non ti rendi nemmeno conto che lo stai facendo. Quindi, devi capire quando lo fai. Potresti trovare indizi nelle reazioni degli altri: ascoltare una persona che si lamenta può consumare energia, quindi puoi notare dispiacere o fastidio sui volti degli altri o nelle interazioni con te. 


5- Una volta che hai notato quando e quanto spesso ti lamenti, allora prenditi un pò di tempo per pensare e aspetta prima di lamentarti, magari pensando se si tratta di una difficoltà gestibile e superabile e al fatto che mancheresti di rispetto a chi ha problemi più gravi.

6- Anche se ciò che ti spinge a lamentarti è più di una semplice difficoltà o imprevisto quotidiano, invece di lamentarti impegnati a cercare di risolverla. Se ad esempio il lavoro ti stressa e diventa insopportabile, invece di lamentarti tutto il giorno, datti da fare e cercati un nuovo lavoro! Se un familiare non è in condizioni di salute ottimali, non ti abbattere ma usa le tue energie per dargli supporto e fargli sentire la tua vicinanza!

7- Allenati a cercare sempre il lato positivo in qualsiasi situazione, perché ad una crisi corrisponde un’opportunità. Ad esempio se hai paura di perdere il lavoro allora pensa che sicuramente ne potrai trovare uno migliore, se pensi che il tuo partner possa lasciarti allora pensa che poi ne incontrerai uno con cui ti troverai ancora meglio, ecc.. 

8- Ripetiti che devi contare solo su te stesso, l'unico vero limite sei tu. Non lamentarti e non attribuire le cose che non vanno nella tua vita ad altri, nessuno ti deve niente e se qualcuno ti causa difficoltà nessuno ti obbliga a contare su di lui.

9- Se sono altre persone ad influenzare la tua vita negativamente allora cerca di capire cosa ti turba davvero di loro in modo da adottare delle strategie.  Se ad esempio ti lamenti di quanto sia fastidioso il tuo capo, allora potrebbe aiutarti a capire che è disorganizzato, il che ha un impatto sulla tua capacità di svolgere il tuo lavoro al meglio. Sebbene sia difficile creare un piano d'azione per affrontare qualcuno che è "fastidioso", in quel caso puoi escogitare strategie per affrontare qualcuno che è disorganizzato. 

10-  Dopo aver identificato le motivazioni alla base delle tue lamentele, affrontale direttamente.  La maggior parte di coloro che si lamentano vanno al lavoro e si lamentano della loro famiglia, poi tornano a casa dal lavoro e si lamentano del lavoro con la loro famiglia. Non parlano mai direttamente con chi gli causa stress e disagio. Questo è quello che devi fare: se hai problemi a lavoro allora parlane direttamente con i colleghi o con il tuo capo, e stessa cosa in famiglia. Ti sentirai più libero e nel caso le cose dovessero andare male a causa delle tue esternazioni, allora continua a pensare positivo e ad essere fiducioso nelle nuove opportunità che si verificheranno.  

Applicando questi metodi ogni volta che si presenta una difficoltà e ricordando a se stessi perché è inutile e spesso ingiusto lamentarsi inizierete a vedere del positivo in tutto. Ma il cambiamento necessita di allenamento costante a pensare in questo modo e vi assicuro che dopo qualche tempo di applicazione diventerà quasi impossibile lamentarvi! Non ci riuscirete più e anche nelle difficoltà vedrete il lato positivo e per i problemi nuove opportunità.

Vi assicuro che memorizzando i punti elencati sopra la vostra vita migliorerà, vivrete più sereni e felici e anche chi vi circonda ne beneficierà! Per chi ha meno memoria consiglio di stampare questa pagina e rileggerla ogni qualvolta si sta per ricadere nello sbaglio di lamentarsi.

Inoltre vi consiglio la lettura dei seguenti libri e link, grazie ai quali ho appreso questa filosofia del non lamentarsi e vivere positivo riassunti in questo articolo:






E non dimenticarti di convidere questo articolo con tutti coloro pensi ne possano trarne beneficio leggendolo!
Precedente Precedente
Successivo Successivo