Come Controllare Quanta Ram ha Android

Come controllare la RAM di uno smartphone Android per sapere la quantità di RAM presente nel proprio modello di cellulare (Samsung, Huawei, LG,..)
android ram
Ecco un altro articolo semplice ma utile, infatti vedremo come come controllare la RAM su Android, per quindi sapere quanta memoria RAM ha il proprio smartphone.
Dopo aver letto e seguito i passaggi indicati di seguito, non avrete nessuna difficoltà a controllare la quantità di RAM del cellulare di qualsiasi produttore e modello (Samsung, Huawei, LG, Sony, Lenovo,..).

Sono tanti gli utenti che si chiedono come vedere quanta RAM ha il proprio smartphone Android, infatti ogni modello di smartphone ha una quantità di RAM specifica, di solito 1 o 2 GB per i modelli entry-level, 3-4 per i modelli di fascia media e dai 4 ai 6 o addirittura 8 per i top di gamma.

RAM significa semplicemente memoria ad accesso casuale, ma senza approfondire troppo il discorso tecnico, basta sapere che la velocità di uno smartphone Android dipende molto dalla dimensione della RAM.
Quindi, se la RAM è poca, il dispositivo potrebbe non funzionare alla velocità desiderata e risultare molto lento sopratutto quando si utilizzano app più pesanti.
A differenza della RAM dei computer desktop, la RAM dei dispositivi Android non può essere aumentata o rimossa perché saldata sulla scheda madre.
Quindi, se la RAM è bassa, smontare il cellulare con l' idea di sostituire la RAM non sarebbe solo una cattiva idea, ma terribile, quindi se si desidera avere maggiore RAM a disposizione, la soluzione è comprare un nuovo telefono.

Come controllare la RAM su Android?

Metodo 1: il modo più facile è conoscere il modello esatto del vostro smartphone Android ed eseguire una semplice ricerca su Google utilizzando queste parole chiave "Nome Telefono + specifiche" o "Nome Telefono + scheda tecnica".
Esempio "Samsung S8 specifiche" o "Samsung S8 scheda tecnica".
Quello che dovete fare in seguito è scegliere un sito web dai risultati di ricerca di Google e sicuramente all'interno troverete quello che state cercando, ovvero la lista delle caratteristiche tecniche del vostro telefono, e scorrendo la lista potrete visualizzare specifiche come la dimensione dello schermo, la batteria, il sistema operativo e naturalmente la RAM.
Se le specifiche del modello non sono presenti nei siti dei risultati di ricerca di Google italiano, è possibile provare a cercare su Google inglese utilizzando le parole chiave "Nome Telefono + spec", es. "Samsung S8 spec", in quanto i siti stranieri offrono schede tecniche di un numero più ampio di modelli.
controllare ram android

Metodo 2: anche questo metodo non è affatto difficile. Se il telefono è un dispositivo molto vecchio o al contrario è un modello cosi nuovo e su nessun sito internet offre la lista delle specifiche, allora potete comunque controllare la RAM su Android con questo metodo:
1. Accedere al Google Play Store.
2. Scaricare l'app Notisysinfo.
3. Aprire l' App, attivare il servizio NotiSysinfo ed a quel punto potrete visualizzare sia la RAM totale sia la RAM utilizzata tramite una notifica.

sapere quanta ram ha android

Di seguito una lista della quantità di RAM dei più diffusi smartphone Android:

RAM Samsung S6: 3GB
RAM Samsung S7 e S7 Edge: 4GB
RAM Samsung S8 e S8 Plus: 4GB
RAM Samsung Note 8: 6GB
RAM Samsung J5 2017: 2GB
RAM Samsung A5 : 2GB
RAM Samsung A5 2017: 3GB
RAM Huawei P9: 3GB
RAM Huawei P10: 4GB
RAM Huawei P8 Lite: 2GB
RAM Huawei P9 Lite: 3GB
RAM Huawei P10 Lite: 4GB
RAM LG G5: 4GB
RAM LG G6: 4GB
RAM LG K4: 1GB 
RAM K4 2017: 1GB
RAM LG K10: 1.5GB
RAM LG K10 2017: 2GB

Domande e risposte frequenti
D: Posso aumentare la RAM di Android?
R: Vuoi una risposta personale da parte mia? Direi no! Anche se penso di aver letto da qualche parte di qualcuno che lo ha fatto. Potresti provare a cercare online. Mentre aggiornare fisicamente la quantità di RAM di un cellulare Android sulla scheda madre è impossibile

D: La mia RAM è bassa, come faccio a rendere il telefono più veloce? 
R: La soluzione migliore è liberare la RAM in utilizzo disinstallando le applicazioni che utilizzano di più la RAM e chiudere frequentemente le app che continuano a girare in background.